|     -   -  

Richtung Europa!

Richtung Europa!

  • uno spettacolo di e con Andrea Beretta
  • genere: Teatro di narrazione
  • durata: 60 minuti

Presentazione


“...il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà. Il futuro sarà un'Unione Europea che aiuti i singoli Stati a completarsi a vicenda. Il futuro sarà la nostra patria Europa”.

In teatro lavorare sul personaggio significa conoscerne la vita, il pensiero, gli avvenimenti più importanti, le svolte e prendere coscienza del suo passato. Per capire dove andare devi sapere da dove vieni. Ecco da questo semplice concetto parte il mio lavoro sull'Europa: raccontare il passato per prendere coscienza del presente e prepararci al futuro.
Altiero Spinelli, Konrad Adenauer, Robert Schuman, Jean Monnet, Walter Hallstein, Sicco Mansholt, Paul Henri Spaak e Alcide De Gasperi sono i padri fondatori dell'Unione Europea. Con loro tutto ebbe inizio circa settant'anni fa. Un sogno comune, una piccola grande speranza. Ognuno di loro, noncurante delle mille difficoltà, ha posto la sua pietra, dedicando l'esistenza alla realizzazione della nostra casa comune. Una casa sempre più grande. Per secoli gli stati europei si sono fatti la guerra, fino a quando un giorno alcuni di essi capirono che uniti potevano risolvere meglio i loro problemi e ottenere grandi vantaggi, come maggior ricchezza e una vita migliore per i cittadini. Aprirono allora le loro frontiere e iniziarono a costruire una casa comune: l’Unione Europea.

Perché uno spettacolo sull'Europa?

Oggi più che mai è necessario parlare di Europa e considerare concretamente il valore dell'essere cittadino europeo.

Perché i padri fondatori?

Perché tramite il racconto magari romanzato delle loro vite lo spettatore possa sentirsi partecipe di un progetto comune. Un conto è riportare a freddo dati, tappe, eventi, facendo un'escalation di fatti storici senza però alcuna ricerca di trasporto con l'interlocutore; altro è provare a raccontare quegli stessi fatti vivendoli dal di dentro, dando voce ai protagonisti della storia. Otto padri fondatori, otto storie per raccontarne una, il percorso di ognuno di noi dal sogno dell'infanzia alla concretezza del presente.

Obiettivo?

Raccontare i fatti attraverso vicende umane. Cosa ha mosso otto uomini comuni a pensare così in grande? Quali condizioni, eventi favorevoli o contrari ne hanno indirizzato il cammino? Attraverso un'accurata ricerca di materiali ed una buona dose di fantasia è nata una storia comune, uno spettacolo per i cittadini, per far riscoprire i nostri padri. Solo avendo coscienza del passato possiamo comprendere il presente e dar slancio al futuro. La storia è troppo importante per non essere considerata e raccontarla in questo modo può rappresentare lo strumento vincente per risvegliare in ognuno di noi la coscienza di una cittadinanza europea.